The GM Blog

Cos’è la Serp: come funziona e tutto quello c’è da sapere

cos'è la serp
Giuseppe

Giuseppe

SERP: Tutto sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca

 

Ci sono milioni di pagine sul Web, ma nessuna pagina per i professionisti del marketing digitale e anche per i creatori di sitiweb è più importante delle pagine dei risultati dei motori di ricerca detta anche nel gergo tecnico SERP (Search Engine Results Page).

 

I professionisti dell’ottimizzazione per i motori di ricerca e gli inserzionisti PPC si contendono le prime posizioni della prima pagina dei risultati (SERP), in questo ambito la concorrenza è spietata e per i professionisti del marketing digitale è più importate che mai sapere come funziona alla perfezione la SERP dei motori di ricerca per capire cosa possono e devono fare per massimizzare la loro visibilità sul web .

 

cos'è la serp: ppc

 

La prima pagina è sicuramente il posto dove vuoi essere

 

 

Cos’è la SERP

 

La SERP (pagine dei risultati dei motori di ricerca) corrisponde alle pagine web fornite agli utenti quando cercano qualcosa online utilizzando un motore di ricerca, come Google. L’utente inserisce la query di ricerca (spesso utilizzando termini o frasi specifici noti come parole chiavi), e il motore di ricerca fornirà una pagina dei risultati (SERP) inerente all’argomento cercato dall’utente.

 

Ogni SERP è unica. Questo perché praticamente tutti i motori di ricerca personalizzano l’esperienza per i propri utenti presentando i risultati in base a un’ampia gamma di fattori oltre i termini di ricerca, come la posizione fisica dell’utente, la cronologia di navigazione e le impostazioni sociali. Due SERP possono apparire identiche e contenere molti degli stessi risultati, ma spesso presentano sottili differenze.

 

L’aspetto delle pagine dei risultati dei motori di ricerca è costantemente in evoluzione a causa degli esperimenti condotti da Google, Bing e altri tipi di motori di ricerca con lo scopo di offrire ai propri utenti un’esperienza più intuitiva e reattiva. Questo, viene combinato con le tecnologie emergenti e in rapido sviluppo nello spazio di ricerca, con il fine di mostrare agli utenti risultati sempre più utili e efficaci.

 

Senza dubbio, tutte queste trasformazioni hanno determinato un considerevole cambiamento nell’aspetto delle SERP odierna rispetto a quelle del passato, ovvero i risultati di ricerca attuali si distinguono notevolmente da quelli di anni fa.

 

 

Risultati organici sulla SERP

 

Le SERP in genere contengono due tipi di contenuti: risultati “organici” e risultati a pagamento. I risultati organici sono elenchi di pagine web che appaiono come risultato dell’algoritmo del motore di ricerca (ne parleremo a breve). I professionisti dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO), sono specializzati nell’ottimizzare i contenuti dei siti Web per posizionarsi più in alto nei risultati di ricerca organici.

 

Nella seguente immagine, i risultati evidenziati sono tutti risultati organici:

 

cos'è la serp: risultati organici della serp

 

Risultati organici sulla SERP

 

La casella sul lato destro di questa SERP è nota come Knowledge Graph (a volte chiamata anche Knowledge Box). Questa è una funzionalità introdotta da Google nel 2012 che estrae i dati dalle domande più frequenti da fonti sul Web per fornire risposte concise alle domande in un’unica posizione centrale sulla SERP. In questo caso, è possibile visualizzare un’ampia gamma di informazioni su Abraham Lincoln, come la data e il luogo della sua nascita, la sua altezza, la data in cui è stato assassinato, la sua affiliazione politica ei nomi dei suoi figli, molti dei quali fatti hanno i propri collegamenti alle pagine pertinenti.

 

Alcune SERP presenteranno risultati molto più organici di altri, come l’esempio sopra. Ciò è dovuto al diverso intento delle varie ricerche. Esistono tre tipi principali di ricerca su Internet :

 

  • Informativo
  • Navigazione
  • Transazionale

 

Le ricerche informative sono quelle in cui l’utente spera di trovare informazioni su un determinato argomento, come Abraham Lincoln. Non avrebbe molto senso inserire annunci o altri tipi di risultati a pagamento su una SERP come questa, poiché la query di ricerca “Abraham Lincoln” ha un intento commerciale molto basso ; la stragrande maggioranza dei ricercatori che utilizzano questa query di ricerca non sta cercando di acquistare qualcosa, e come tale vengono visualizzati solo i risultati informativi all’interno della SERP.

 

Le query di navigazione sono quelle in cui l’utente spera di individuare un sito Web specifico tramite la ricerca. Questo può essere il caso delle persone che cercano un sito Web specifico(es. amazon.it). Ad esempio è come se noi volessimo accedere al sito web di Amazon ma non ricordiamo l’url completo (che in questo caso è amazon.it) e per questo motivo digitiamo solamente la parola amazon, perché sappiamo che dopo aver ricercato questa parola specifica, avremo tra i primi risultati di ricerca all’interno della SERP, propio il sito amazon.it.

 

Infine, esistono le ricerche transazionali, ovvero sono quelle ricerche in cui è più probabile che i risultati a pagamento vengano visualizzati nella SERP. Le ricerche transazionali hanno un elevato intento commerciale e le query di ricerca che portano a SERP transazionali possono includere parole chiave come “acquista” e altri termini che suggeriscono un forte desiderio di effettuare un acquisto.

 

 

Risultati a pagamento sulla SERP

 

A differenza dei risultati organici, i risultati a pagamento sono quegli articoli che hanno dovuto pagare per essere visualizzati in prima pagina. In passato, i risultati a pagamento erano quasi esclusivamente limitati a piccoli annunci di testo che in genere venivano visualizzati sopra e a destra dei risultati organici. Oggi, tuttavia, i risultati a pagamento possono assumere una vasta gamma di forme e ci sono dozzine di formati pubblicitari che soddisfano le esigenze degli inserzionisti.

 

cos'è la serp: alcuni risultati a pagamento sulla SERP di Google

 

Alcuni risultati a pagamento sulla SERP di Google

 

Nell’esempio precedente (una SERP per la query di ricerca “tosaerba”), tutti i risultati sulla SERP, ad eccezione della mappa e della scheda di attività commerciale sottostante, sono risultati a pagamento. I tre grandi annunci di testo nella parte superiore della SERP (considerati il posizionamento principale per gli inserzionisti) sono tipici annunci PPC . Di questi tre annunci, i due inferiori (per Craftsman.com e Husqvarna.com) presentano entrambi estensioni annuncio che consentono ai potenziali clienti di accedere a pagine specifiche dei loro siti Web direttamente dagli annunci.

 

Gli annunci basati su immagini a destra della pagina sono annunci Shopping , una funzione offerta sulla piattaforma Google AdWords che consente di visualizzare le informazioni sui prodotti dei rivenditori di e-commerce insieme ad altri risultati sulla SERP. Gli annunci Shopping possono contenere un’ampia gamma di informazioni, come disponibilità di prodotti, recensioni degli utenti, offerte speciali e altro ancora.

 

Ci sono altri due annunci PPC direttamente sotto gli annunci Shopping (come indicato dalla bandiera gialla “Annunci” sopra di essi) che presentano anche le estensioni annuncio di recensione degli utenti, indicate dalle valutazioni a stelle direttamente sotto l’URL di destinazione.

 

La mappa e la scheda dell’attività commerciale sono gli unici risultati su questa SERP che non sono risultati esplicitamente pagati. Questa mappa viene visualizzata in base alla posizione di un utente e include elenchi di attività commerciali locali che hanno impostato la loro scheda gratuita di Google My Business . Google My Business è una directory gratuita di aziende che può aiutare le piccole imprese e locali ad aumentare la propria visibilità per gli utenti in base alla geolocalizzazione, questa è una funzionalità particolarmente importante sui dispositivi mobili.

 

 

Segnali di ranking e algoritmi di ricerca

 

I risultati organici sono elenchi che sono stati indicizzati dal motore di ricerca in base a una serie di fattori, noti anche come ” segnali di posizionamento “.

 

Ad esempio, l’algoritmo di ricerca utilizzato da Google presenta centinaia di fattori di ranking e, sebbene nessuno al di fuori di Google sappia esattamente quali siano, ti basta sapere che alcuni hanno un’importanza superiore ad altri. In passato, il profilo del collegamento di un sito – il numero di collegamenti esterni che collegavano un sito Web in questione ad un altro sito Web specifico, e anche i collegamenti interni che riportavano a pagine dello stesso sito, erano un importante fattore di posizionamento. Lo è ancora in una certa misura (motivo per cui Wikipedia è così preminente nei risultati organici per così tante query), purtroppo o per fortuna la ricerca avanza a un ritmo così rapido che i segnali di classificazione che una volta erano cruciali per l’algoritmo di ricerca oggi potrebbero essere molto meno importanti, questa è una fonte di costante frustrazione per chi studia la SEO e per i webmaster.

 

 

Ottimizzazione per i motori di ricerca

 

Come suggerisce il nome, l’ottimizzazione per i motori di ricerca è la pratica di ottimizzare i siti Web e le pagine Web per far posizionare gli articoli di un sito e il sito stesso nelle posizioni più alte possibili, di conseguenza, il nostro sito risulterà molto più visibile agli utenti e proprio per questo motivo registreremo un notevole aumento in termini di traffico. Ciò si potrà ottenere in particolare attraverso 2 strumenti, ovvero la SEO “on-page” e la “off-page”.

 

 

SEO sulla pagina

 

La SEO on-page si riferisce alle best practice che i creatori di contenuti web e i proprietari di siti possono eseguire per garantire che il loro contenuto siano il più facilmente individuabile. Ciò include la creazione di pagine dettagliate con all’interno elementi come immagini, l’uso di URL statici univoci, l’inclusione di parole chiave in titoli e sottotitoli pertinenti e l’uso dei tag HTML(es. “H1” per il titolo,”H2”,”H3” e così via per altri scopi).

 

 

SEO off-page

 

A differenza delle tecniche SEO on-page, la SEO off-page si riferisce a strategie che influenzano il sito nel suo insieme. Le tecniche SEO off-page comuni includono la costruzione e lo scambio di link (chiamati Backlink), social bookmarking, content marketing , creare una web directory e la creazione di una comunità online sui social media.

 

Sebbene l’intero ambito della SEO sia troppo ampio per essere coperto in modo completo, tutto ciò che devi sapere è che la SEO si concentra principalmente sul raggiungimento di classifiche più elevate da una prospettiva organica. Le aziende possono assumere un’agenzia o un professionista SEO per svolgere il proprio lavoro SEO, ma al di là di questo investimento, nessuna forma di denaro passa per le casse dei motori di ricerca per migliorare il posizionamento dei risultati organici.

 

 

PPC e pagine dei risultati dei motori di ricerca

 

A differenza della SEO, il marketing pay-per-click si concentra esclusivamente sull’investimento del budget pubblicitario per ottenere un posizionamento di rilievo nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca. Tuttavia, non è così semplice come investire più soldi in una campagna: gli inserzionisti devono pensare in modo strategico per raggiungere i loro obiettivi.

 

La ricerca a pagamento funziona come un’asta . Gli inserzionisti fanno offerte per parole chiave pertinenti alla loro attività che possono attivare la visualizzazione dei loro annunci quando gli utenti cercano quei termini (query di ricerca). Una vasta gamma di fattori determina dove verrà mostrato un annuncio nella SERP. Alcuni annunci potrebbero essere visualizzati sopra i risultati della ricerca organica (come gli esempi Lowe’s, Craftsman e Husqvarna nell’esempio SERP “tosaerba” sopra), mentre altri potrebbero essere visualizzati a destra dei risultati organici. Alcuni inserzionisti scelgono di limitare la visualizzazione dei propri annunci solo alle ricerche su dispositivi mobili , mentre altri escludono del tutto i risultati per dispositivi mobili. Alcuni annunci dispongono di estensioni e altri no.

 

Come la SEO, la ricerca a pagamento è un argomento complesso, ma per ora, ricorda che la ricerca a pagamento si concentra sull’ottimizzazione degli annunci da mostrare in una posizione più efficace possibile nella SERP.

 

Spero che alla fine tu sia riuscito a capire questo complesso mondo che influenza tutti i risultati di ricerca. Se ti fa piacere condividi questo articolo con i tuoi amici o con chi ne ha bisogno.

altro da esplorare